Kosovo : un voyage pour rompre 5 ans de silence

Accueil
Plate-forme du CSO
Alerte OTAN !
Communiqués du CSO

Articles


Warning: mysql_query() [function.mysql-query]: Can't connect to local MySQL server through socket '/var/run/mysqld/mysqld.sock' (2) in /home/csotan/www/Kosovo2004/kosovo_it.php on line 53

Warning: mysql_query() [function.mysql-query]: A link to the server could not be established in /home/csotan/www/Kosovo2004/kosovo_it.php on line 53

Documents officiels
Autres textes

Carte de l'Otan
L'Europe et l'Otan (2004)

Kosovo:
Fact-finding mission

Images
Archives
Liens

Contactez-nous !

Kosovo: un viaggio per rompere cinque anni di silenzio

Dopo anni di silenzio mediatico, i sanguinosi avvenimenti dello scorso marzo ci hanno ricordato in maniera brutale che la violenza non aveva mai smesso di corrodere il Kosovo. Amministrato dall'ONU e occupato dalle truppe NATO dopo il 1999, questo territorio sta per diventare "etnicamente puro": le minoranze sono state sistematicamente discriminate ed espulse.

Cinque anni fa, per giustificare 78 giorni di bombardamenti sulla Serbia e sul Montenegro, i leader occidentali ci avevano promesso che il Kosovo sarebbe diventato un modello di tolleranza multietnica, di democrazia e di rispetto dei diritto umani. Questi bei principi sono stati inseriti in una risoluzione dell'ONU che metteva il territorio sotto la sua responsabilità, autorizzandone l'occupazione da parte di una forza NATO.

Cinque anni dopo, il Kosovo è lontano dall'essere il paradiso promesso. Oltre al fiasco economico (il 70% di disoccupazione!) e il suo ruolo di crocevia per traffici di ogni sorta (esseri umani, eroina.), la provincia serba - il cui "status definitivo" potrebbe essere preso in esame l'anno prossimo da parte delle grandi potenze - viene a poco a poco "depurata" delle sue numerose minoranze. Dopo la messa sotto tutela della provincia, i due terzi degli appartenenti alle minoranze - serbi, rom, slavi musulmani, croati, turchi - sono stati espulsi dagli estremisti della comunità albanese, migliaia di loro assassinati o scomparsi dopo la cessazione dei combattimenti. Circa 150 chiese e monasteri ortodossi, alcuni costruiti oltre sette secoli fa, sono stati distrutti. Le truppe della NATO hanno costretto le poche decine di migliaia di non albanesi che abitano ancora lì a rifugiarsi in enclave protette e la loro libertà di movimento è rigorosamente limitata.

Per potersi rendere conto della situazione vissuta dalle minoranze in questo protettorato sotto controllo occidentale, il Comitato di sorveglianza sulla NATO (CSO) , sostenuto da organizzazioni di diversi paesi, ha preso l'iniziativa di organizzare quest'estate un viaggio d'ispezione nel Kosovo . Ci recheremo nelle enclave dove queste minoranze sopravvivono e incontreremo alcuni loro responsabili e anche qualche funzionario internazionale. È prevista anche una visita a un campo profughi, forse in Serbia. Sono benvenuti tutti coloro che desiderano informarsi senza partito preso su questi problemi e sulla risposta della "comunità internazionale". Dato l'obiettivo del progetto ("rompere cinque anni di silenzio"), al proprio ritorno, ogni partecipante dovrà condividere la propria esperienza nella maniera più adatta con il proprio ambiente.

La visita al Kosovo inizierà verso il 15 agosto e durerà da 8 a 10 giorni . Dove possibile, l'alloggio sarà presso gli abitanti del posto. Gli spostamenti saranno effettuati con i veicoli dei partecipanti, se necessario si affitterà un veicolo supplementare sul posto. Siccome i partecipanti proverranno da diversi paesi, si farà un briefing in una città vicina - probabilmente Belgrado - alla vigilia della partenza per il Kosovo.

Organizzazione: Stop USA (Bruxelles), Comité pour la paix en Yougoslavie (Ginevra), Voix des Roms (Liegi), Voice of Roma (Sebastopol, California), Kelebek (Italia)

Informations en français - in English - po Srbski

Journal de voyage


Photos


Interviews


Déclaration
Declaration on Kosovo (English)


Dossier Kosovo

Autres documents


Mission du Secours populaire français au Kosovo
du 5 au 12 décembre 2004

Document vidéo de 26 minutes
(www.gael.ch)


Appel initial

Kosovo : Un voyage pour rompre cinq ans de silence

Fact finding mission to Kosovo : breaking five years of silence

Kosovo: putovanje za prekid petogodisnjeg cutanja

Kosovo: un viaggio per rompere cinque anni di silenzio